Benvenuti sul sito del Ministero Federale degli Affari Esteri

Attuali informazioni di viaggio ed informazioni sul COVID-19

06.04.2022 - Articolo


Per l'accesso al Consolato Generale è necessario l'utilizzo di una mascherina FFP2.

Informazioni sul Coronavirus

Si prega di consultare gli avvisi di sicurezza e per i viaggiatori del Ministero Federale degli Affari Esteri.
nonché le nostre informazioni per i viaggiatori sul Coronavirus / Covid-19.

Informazioni aggiornate per chi fa ingresso in Italia e San Marino

A partire dal 27 febbraio 2022 l'Italia e San Marino non sono più classificate zone ad alto rischio.

Tutti coloro che fanno ingresso in Italia devono presentare una certificazione completa del proprio ciclo vaccinale (rilasciata nei 9 mesi precedenti) o della propria guarigione (rilasciata nei 6 mesi precedenti) o un test Covid negativo (PCR eseguito entro le ultime 72 ore o antigenico eseguito nelle ultime 48 ore ). Sono esclusi da questo obbligo i bambini al di sotto dei 6 anni d'età.

I viaggiatori che non sono in possesso di un documento che provi la certificazione completa del proprio ciclo vaccinale, la propria guarigione o un test Covid negativo, una volta fatto il loro ingresso in Italia devono osservare una quarantena  di  cinque giorni presso l'indirizzo indicato nella dichiarazione d'ingresso e successivamente sottoporsi a test Covid.

Le singole Regioni possono imporre restrizioni o l’obbligo di registrazione in relazione all’andamento della situazione epidemiologica. Pertanto prima di partire è necessario consultare attentamente i rispettivi siti web.

Informazioni aggiornate per chi fa ingresso in Germania

Il rientro in Germania è sempre consentito per i cittadini tedeschi.

L'Italia attualmente non è considerata zona ad alto rischio.

Per fare ingresso in Germania in linea di principio vige il generale obbligo di presentazione di un certificato COVID. Le persone maggiori di 12 anni di età dovranno pertanto disporre, all’ingresso in Germania, di una certificazione comprovante l’esito negativo di un test, l’avvenuta guarigione o il completamento del ciclo vaccinale.

Per principio i tamponi Covid-19 (test antigenico o PCR) devono essere stati eseguiti nelle 48 ore antecedenti il momento (previsto) dell’ingresso nel Paese. Per i viaggi con un’impresa di trasporto (ad es. compagnie aeree) vige la deroga di al massimo 48 ore dall’inizio (previsto) del trasporto (ad es. orario di partenza); per i tamponi antigenici vale però il principio che anche nel caso di un viaggio con un’impresa di trasporto devono essere stati eseguiti nelle 48 ore antecedenti il momento (previsto) dell’ingresso nel Paese.

La certificazione anti-Covid-19 è obbligatoria anche per i passeggeri di voli che fanno solo scalo in Germania e quindi vi transitano. Tale obbligo vige sia per il transito non Schengen da o verso Paesi terzi fuori dall’UE che per transiti da o verso Paesi Schengen.

 Il test negativo deve essere stato effettuato nelle 48 ore precedenti (PCR o test rapido antigenico).

In caso di provenienza da aree ad alta incidenza di varianti del virus si deve presentare un test PCR negativo; in questi casi non sarà sufficiente mostrare un test rapido antigenico negativo né l'attestazione dell’avvenuta guarigione o del completamento del ciclo vaccinale. Se si utilizza un vettore per far ingresso in Germania è necessario presentare un test negativo PCR effettuato al massimo 48 ore prima del (programmato) inizio del viaggio.

Sono considerati vaccinati i viaggiatori che hanno completato da almeno 14 giorni il ciclo vaccinale.

Sono considerati guariti i viaggiatori che hanno contratto l’infezione da coronavirus non meno di 28 giorni e non più di 90 giorni prima.

All’ingresso in Germania deve essere presentato un certificato Covid digitale dell’UE o un certificato equiparabile, in formato cartaceo o digitale, redatto in lingua tedesca, inglese, francese, italiana o spagnola

I viaggiatori che nei 10 giorni antecedenti l’ingresso in Germania si siano recati in un’area ad alto rischio o ad alta incidenza di varianti del virus  sono tenuti a registrarsi sul sito www.einreiseanmeldung.de  prima dell’arrivo in Germania e ad avere con sé una copia della registrazione al momento dell’ingresso. I vettori sono tenuti a controllare il documento comprovante l‘avvenuta registrazione digitale.

Per chi proviene da aree ad alto rischio o ad alta incidenza di varianti vige l’obbligo di quarantena, per maggiori informazioni: https://www.bundesregierung.de/breg-de/themen/coronavirus/corona-bundeslaender-1745198

Le aree a rischio individuate dall'Istituto Robert Koch si trovano elencate qui.

Informazioni sul vaccino anti Covid-19 per cittadini tedeschi con residenza in Italia

I cittadini tedeschi con residenza in Italia possono ricevere un vaccino anti Covid-19 se sono registrati nel Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e se dispongono di una tessera sanitaria.

A seguito di intense comunicazioni avvenute fra l'Ambasciata tedesca di Roma e le Autorità italiane, vi è ora la possibilità di ricevere un vaccino anti Covid-19 anche da parte di cittadini tedeschi, che vivono stabilmente in Italia, ma che, per scelta o per impossibilità, non sono registrati nel Sistema Sanitario Nazionale e non posseggono, pertanto, la tessera sanitaria necessaria per richiedere l'appuntamento per il vaccino.

Il programma vaccinale e la rispettiva esecuzione sono di esclusiva responsabilità delle Autorità italiane.

Per questa ragione il Consolato Generale non può fornire garanzie in merito o chiarirne i dettagli.

Coronavirus: FAQ

Non viene fornita alcuna garanzia per la correttezza e l’attualità delle informazioni e dei moduli messi a disposizione in queste pagine. Si prega di informarsi sempre anche presso le autorità italiane.


Torna a inizio pagina