Willkommen auf den Seiten des Auswärtigen Amts

Respirate profondamente

Artikel
Respirate profondamente
Respirate profondamente© dap_picturealliance

L’aria in Germania è davvero così buona? Ecco cosa c’è di vero in questo stereotipo e cosa fanno in tal senso le città tedesche.

Alla nostra Community abbiamo chiesto: „Cos’è tipicamente tedesco?“ Tra le risposte più frequenti si parla di „aria buona nelle città tedesche“. Di seguito Vi forniamo spiegazioni e retroscena sull’argomento.

L’aria in Germania è davvero buona?

Effettivamente l’aria in Germania ed in Europa sta migliorando sempre più. Questo fatto è stato sancito da una relazione dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) nel novembre 2020. Nel 2019, l‘Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha effettuato una verifica sulla qualità dell’aria in Germania, classificandola come „buona“ e descrivendo l‘inquinamento da polveri sottili con un diametro inferiore ai 2,5 micrometri (PM 2,5) pari a 11,01µg/m³. Dal 1995 ad oggi, le emissioni si sono notevolmente ridotte.

Tutt’altra faccenda riguarda, invece, l’inquinamento da ossidi di azoto, precursori delle polveri sottili: secondo i dati del Ministero Federale dell’Ambiente in Germania, sulle grandi città ed aree metropolitane tedesche grava un carico molto pesante di ossidi di azoto.

Cosa viene fatto per la qualità dell’aria?

La politica e la società civile fanno molto, affinchè l’ambiente sia più verde. Un esempio è la città di Essen, nella Regione della Ruhr. Celebre per le estrazioni di carbone e le industrie siderurgiche, negli ultimi cento anni, Essen ha dato vita a parchi e zone ricreative ed ha trasformato impianti industriali in disuso in „industrie per la natura“. Per questi motivi, la città è stata insignita del titolo di „Capitale verde d’Europa“. Il premio dovrebbe incoraggiare gli altri a pensare ad un futuro più verde.

Sul tema della pulizia, le città tedesche sono impegnate in diversi aspetti. L’esempio di Amburgo: seguendo il modello di Singapore, ora la città anseatica sanziona con multe salate il cosiddetto „Littering“, ossia il malcostume che vede i rifiuti gettati nelle strade o in natura. Chi, invece, separa accuratamente la propria spazzatura viene ricompensato con l’applicazione di tariffe inferiori.

Il Governo Federale tedesco sostiene il miglioramento della qualità dell’aria nelle città. Molti Comuni, ad esempio, hanno convertito i bus per il trasporto cittadino in veicoli a emissioni zero. Anche le oasi verdi come i cosiddetti „Urban Gardening“ contribuiscono ad un’aria migliore.

Cosa c‘entra questo con il Coronavirus?

Secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA), durante i lockdown causati dal Coronavirus, l’aria in Germania ed in Europa è migliorata. Nell’aprile 2020, la concentrazione di biossido di azoto in Germania è calata di un terzo.

Per chi volesse saperne di più, il Ministero Federale dell’Ambiente offre una mappa della Germania con i dati attuali relativi all’aria.

(Fonte: www.deutschland.de)



nach oben