Benvenuti sul sito del Ministero Federale degli Affari Esteri

Viaggiare con animali in Germania

Ein Hund im Vordergrund und im Hintergrund die Zeche Gneisenau in Dortmund

Ein Hund im Vordergrund und im Hintergrund die Zeche Gneisenau in Dortmund, © dpa

Articolo

In base ai nuovi regolamenti comunitari, in vigore dal 29 dicembre 2014:

- Regolamento (UE) N. 576/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013 sui movimenti a carattere non commerciale di animali da compagnia che abroga il regolamento (CE) n. 998/2003 

nonché il

- Regolamento di esecuzione  (UE) N. 577/2013 della Commissione del 28 giugno 2013, relativo ai modelli dei documenti di identificazione per i movimenti a carattere non commerciale (...),

cani, gatti e furetti al seguito di viaggiatori potranno essere introdotti in Germania solo se muniti del relativo “pet passport” (passaporto per animali da compagnia), così come è regola per tutti i Paesi Ue.

Per approfondimenti si confrontino le pagine web sotto elencate del Ministero Federale dell'Alimentazione e dell'Agricoltura nonché del Ministero italiano della Salute.

Le informazioni per il rilascio del passaporto sopra citato possono essere richieste in Italia ai Servizi veterinari delle Aziende Usl competenti, come descritto nelle pagine web del Ministero italiano della Salute di seguito riportate.

ATTENZIONE: Vi segnaliamo che l'introduzione in Germania di cani e gatti di età inferiore ai 3 mesi sottostà ad una particolare regolamentazione e Vi invitiamo a leggere la comunicazione relativa sotto riportata.


Disposizioni particolari per l'introduzione in Germania di cani e gatti di età inferiore ai 3 mesi

Divieto di ingresso e transito di cuccioli di età inferiore a 15 settimane

Animali di età inferiore ai 3 mesi (15 settimane) possono entrare o transitare in Germania solo con sufficiente vaccinazione antirabbica.
Poiché la vaccinazione antirabbica di base non può essere praticata prima dell'età di 12 settimane, e considerando gli ulteriori 21 giorni necessari affinché la protezione antirabbica diventi efficace, i cuccioli possono entrare o transitare non prima di aver compiuto 15 settimane di vita.


Le disposizioni in vigore per l’Italia si possono consultare tramite il link sotto indicato:

Di particolare importanza è la frase in grassetto:
"E' vietato introdurre in Italia, sia dai paesi membri dell'Unione Europea che dai Paesi Terzi, cani e gatti di età inferiore ai tre mesi e non vaccinati nei confronti del virus della rabbia. "

Riguardo alla questione di un eventuale rientro in Italia con un cucciolo di età inferiore ai tre mesi in seguito al precedente viaggio in Germania, il Ministero della Salute in Italia consiglia di chiarire con il veterinario competente, prima della partenza dell’animale dall’Italia, se è disposto a redigere un certificato di “nulla osta per il rientro dell’animale” per la reintroduzione del cucciolo dalla Germania in Italia.

Le informazioni del Ministero Federale dell'Alimentazione e dell'Agricoltura, del Ministero italiano della Salute e dell'Autorità doganale tedesca sul viaggiare con animali d'affezione (anche con cani considerati pericolosi) nell'UE

Il Ministero Federale  dell'Alimentazione e dell'Agricoltura fornisce sul suo sito Web indicazioni relative ai regolamenti riguardanti i viaggi nell'UE con animali d'affezione. Si confronti nel contesto il link sotto riportato (in inglese).

Il Ministero della Salute propone attraverso i due link di seguito riportati informazioni generiche sui "pets", inoltre indicazioni specifiche relative al viaggiare con animali verso l'Italia (in italiano).


Le informazioni del Ministero Federale dell'Alimentazione e dell'Agricoltura in materia di viaggi con animali d'affezione - in inglese

Ministero italiano della Salute  - informazioni sul viaggiare con animali in uno Stato UE

Indicazioni generali del Ministero della Salute sugli animali da compagnia, introdotti in Italia a seguito di viaggiatori

Le informazioni dell'Autorità doganale tedesca relativamente all'introduzione di cani considerati pericolosi in Germania (in lingua inglese)



Da non dimenticare: la Convenzione di Washington sul Commercio Internazionale delle Specie di Fauna e Flora minacciate di estinzione

La  Convenzione di Washington sul Commercio Internazionale delle Specie di Fauna e Flora minacciate di estinzione, più comunemente conosciuta come CITES, ha lo scopo di proteggere piante ed animali in via di estinzione, nel complesso circa 30 000 specie di cui 25 000 vegetali. Fu stabilita nel 1973 e vi aderiscono attualmente 169 Paesi. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare il sito sottostante in lingua italiana:

www.eu-wildlifetrade.org






Torna a inizio pagina