Benvenuti sul sito del Ministero Federale degli Affari Esteri

La Presidenza Tedesca del G7

Das deutsche G7-Logo in blau auf weißem Hintergrund.

Logo der deutschen G7-Präsidentschaft 2022, © Bundesregierung

01.01.2022 - Articolo

Concertazione sui temi di politica estera e di sicurezza quale ambito prioritario

Un elemento chiave dell’agenda dei Ministri degli Esteri del G7 è una concertazione stretta, fiduciosa e informale sulle sfide di politica estera e di sicurezza e sulle crisi. Il G7 costituisce una piattaforma unica per fornire importanti impulsi ai fini della risoluzione dei conflitti e della gestione delle sfide strategiche sulla base dei nostri comuni valori. Anche durante la Presidenza tedesca vogliamo rifarci a quest’approccio. Poiché nel 2022, purtroppo, le criticità attuali non sono destinate a diminuire.

Democrazie liberali efficienti dotate di una forte base di valori

Le sfide globali le possiamo risolvere solo insieme. Per il G7 questo significa che dobbiamo dire per cosa lottiamo come democrazie liberali impegnate al multilateralismo, invece di concentrarci sempre su quello che non vogliamo.

- Ministra degli Affari Esteri Annalena Baerbock

Ma la posta in gioco è più alta: la Germania si è data l’obiettivo di rafforzare ulteriormente la base di valori del G7. A tal fine, vogliamo ancorare più saldamente importanti tematiche riguardanti i diritti umani, per esempio in ambiti come l’intelligenza artificiale, l’uguaglianza di genere e le responsabilità per le violazioni dei diritti umani. Allo stesso tempo, vogliamo adoperarci affinché le democrazie liberali rimangano efficienti e offrano effettivamente alle persone maggiore libertà, sicurezza e benessere sostenibile.

Agenda di prevenzione e trasformazione come leitmotiv: la crisi climatica come una delle tre priorità

Non è solo la crisi climatica a mostrare l’importanza di un’azione lungimirante, precoce e congiunta. Ecco perché vogliamo usare il potenziale del G7 per un’agenda incisiva di prevenzione e trasformazione:

Agire prima che sia troppo tardi: questo è il messaggio principale di cui vogliamo parlare con i Ministri degli Esteri, con riferimento alla crisi climatica, ovviamente alla lotta alla pandemia, ma anche alla resilienza delle democrazie.

- Ministra degli Affari Esteri Annalena Baerbock

  1. L’ulteriore recrudescenza della crisi climatica non comporta solo gravi sofferenze sul piano individuale, ma aggrava anche i conflitti in diverse aree del mondo. La politica climatica è una politica preventiva della sicurezza e pertanto un elemento centrale della nostra politica estera e della nostra Presidenza del G7. Vogliamo potenziare nettamente l’impegno per il clima del G7. I partenariati per l’energia e il clima sono una vera e propria opportunità per un benessere sostenibile, soprattutto per i Paesi ad alte emissioni o fortemente dipendenti dai carburanti fossili. Nel contesto del G7, bisognerà anche puntare su aiuti umanitari preventivi come strumento per ammortizzare – tra l’altro – le conseguenze delle crisi climatiche e per maturare una migliore comprensione comune del nesso fra clima e sicurezza.
  2. Durante la nostra Presidenza del G7, vogliamo rafforzare il multilateralismo. Le crisi come la pandemia da Coronavirus possono essere affrontate solo insieme; dobbiamo reagire alle emergenze future tempestivamente, uniti e con l’aiuto di scienziati ed esperti. A tal fine, le Nazioni Unite offrono una cornice appropriata. L’agenda dei Ministri degli Esteri del G7 include, quindi, anche il rafforzamento dell’architettura sanitaria internazionale e l’equità vaccinale in un quadro globale e sostenibile.
  3. Come partner del G7 uniti da comuni valori, condividiamo l’intenzione di rendere più resilienti le nostre democrazie. Le campagne di disinformazione, ad esempio, costituiscono un pericolo reale per le nostre società aperte. Di conseguenza, vogliamo mettere all’ordine del giorno anche progetti per una migliore cybersicurezza a beneficio di alcuni Paesi partner al di fuori del G7 e futuri investimenti in infrastrutture globali comuni.

Appuntamenti principali della Presidenza 2022

Gli appuntamenti “tradizionali” per i Ministri degli Esteri del G7 nel 2022 sono due riunioni ministeriali, una a fine maggio 2022 e una nell’autunno 2022. Inoltre, come ogni anno, è prevista una riunione congiunta dei Ministri degli Esteri del G7 a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a settembre 2022, che solitamente si occupa di questioni attuali di rilevanza multilaterale.

Approfondimento delle relazioni con partner al di fuori del G7 che condividono i nostri valori

Gli Stati del G7 non rimangono tra di loro: la Germania inviterà anche Paesi che si adoperano per i valori comuni come la libertà e lo Stato di diritto. Nelle prossime due riunioni dei Ministri degli Esteri ci dedicheremo prima ai Paesi dell’Africa e poi a quelli del Pacifico.


 

Il sito ufficiale della Presidenza tedesca del G7 2022


Torna a inizio pagina